• battiferro3.jpg
  • battiferro4.jpg
  • battiferro5.jpg
  • battiferro11.jpg
  • battiferro21.jpg
  • DSC_3298.jpg

5 agosto - ore 21.00

 Bleecker Street per un concerto che ci farà viaggiare con la musica al Battiferro per Radio Balangandà: "Arte Varia Best of", una rassegna non rassegnata. Le canzoni di Simon and Garfunkel, rilette e riarrangiate dal quartetto acustico bolognese. Dal fiume Hudson al Navile, da Bleecker street alla Beverara.

Il Battiferro sarà  aperto dalle ore 20.00.

Modalità  di ingresso:

  • € 7,00 a persona
  • posti disponibili dalle ore 20.00


Dove: via della Beverara 123/a - via del Navile 29/5a, Bologna
Con ampio parcheggio gratuito
 

PRENOTA ONLINE 

 

INFO E PRENOTAZIONI: tel. 329 3659446 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

mercoledì 5 agosto - ore 21.00
Bleecker Street
per Radio Balangandà: "Arte Varia Best of"


 

 

Il Battiferro sarà  aperto dalle ore 20.00.

Modalità  di ingresso:

  • € 7,00 a persona
  • posti disponibili dalle ore 20.00


Dove: via della Beverara 123/a - via del Navile 29/5a, Bologna
Con ampio parcheggio gratuito
 

 

PRENOTA ONLINE 

INFO E PRENOTAZIONI: tel. 329 3659446 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Pronti a vedere e fare la radio? Ecco il nuovo format del Battiferro che ospita sul suo palco Radio Balangandà, storica trasmissione radiofonica nata nel 1995 che quest'anno compie 25 anni (un record per una trasmissione radio!). Il nome Balangandà deriva da un amuleto afro-brasiliano formato da un vascello con due uccelli in volo a poppa e prua. Simboleggia l’esodo forzato degli africani dall’Africa alle Americhe. 
Balangandà è un progetto radiofonico che spazia in tutti gli angoli della World Culture, della World Music, tutto rigorosamente LIVE! che ospita grandi musicisti. 
Ci sarà moltissima musica, ma non solo! Sarà più di un concerto, sarà un appuntamento di assoluto intrattenimento condotto magistralmente da Mauro Cicchetti, Mario Ventimiglia, Paola Righi Dagnini.

Bleecker Street è un quartetto acustico che fa uno straordinario tributo a Simon and Garfunkel.
Ci aspetta grande musica dal vivo
alla ricerca delle radici della loro musica nel folk anglo-americano, nel rythm &blues e nel rock ‘n’ roll delle origini. 
Scopriremo quanto la periferia americana somigli alla nostra, quanto la periferia delle storie cantate da Simon and Garfunkel abbia punti in comune con la periferia che abbraccia il Canale Navile. Perché a dispetto delle distanze geografiche, le periferie del mondo si somigliano tutte. 

 

DSC 0221

Il mattone rosso del profilo urbano, un’antica tradizione industriale legata anche alla presenza dell’acqua, il fermento intellettuale e politico, la vocazione universitaria (nel quartiere Navile in piena espansione proprio in questi ultimi anni). Il quartetto Bleecker Street partendo da una rilettura del repertorio di Simon and Garfunkel sconfinerà alla ricerca delle radici di quella musica nel folk anglo-americano, nel rythm &blues e nel rock ‘n’ roll delle origini.

Schermata 2020 06 24 alle 20.33.15

 Il progetto nasce originariamente come duo, pescando i propri brani dal repertorio di Simon and Garfunkel. Successivamente si evolve estendendo questo repertorio iniziale alle fonti musicali  cui i due hanno attinto, sia sul versante folk sia su quello R & B e più in generale black.  Con l'ampliamento del repertorio si allarga la formazione: si aggiunge una terza voce (Chiara Trapanese) e il contrabbasso (Daniele Gozzi). Il rimando al Greenwich village in quanto punto d'incontro fra culture diverse (tra le altre, bianca e nera) rimane. Così come il riferimento ai quartieri periferici e alla loro capacità di mescolare culture diverse.  

Il nome del gruppo nasce da un pezzo scritto nel 1964 dal popolare duo folk statunitense. Bleecker Street è il nome di una strada del Greenwich Village, a New York. Prende il nome da una famiglia - quella dei Bleeckers - che possedavano una fattoria in quella zona, agli inizi del 1800. Il quartiere divenne popolare nel corso del Novecento come luogo d’incontro di intellettuali, poeti, artisti. Negli anni ‘50 fu sede di numerosi locali nei quali si potevano ascoltare le musiche più innovative del momento dalla canzone folk impegnata al jazz e al blues.

DSC 0216

Una grande serata di musica, con canzoni, racconti e curiosità.

 

Formazione

  • Elio Pugliese, chitarra folk e voce
  • Frida Forlani, voce e percussioni
  • Chiara Trapanese, voce
  • Daniele Gozzi, contrabbasso